Ricerca rapida

Il Liceo Scientifico dall’a.s. 2017/18 ha avviato un’importante trasformazione pedagogico– didattico-organizzativa con l’obiettivo di coniugare la qualità dell’insegnamento liceale con la matrice organizzativa basata sul modello DADA (Didattica per Ambienti Di Apprendimento). L’istituto funziona per “aula–ambiente di apprendimento”, assegnata a uno o due docenti della medesima disciplina e prevede che i ragazzi si spostino durante i cambi d’ora. Ciò favorisce l’adozione, nella quotidianità, di modelli didattici funzionali a quei processi di insegnamento ed apprendimento attivo, in cui gli studenti possano divenire attori principali, motivati nella costruzione dei loro saperi.

Il modello organizzativo DADA nasce dalla necessità di coniugare varie esigenze: gestire e valorizzare al meglio le risorse e gli spazi della scuola, fornire ai docenti spazi stabili da attrezzare per innovare la didattica e dare agli alunni un ruolo centrale nell’apprendimento e maggiore consapevolezza. Il ripensamento della modalità di fruizione degli spazi educativi implica una necessaria fluttuazione da parte degli studenti tra le “isole didattiche”. Tale approccio “dinamico e fluido” considera gli spostamenti una buona occasione per l’ottimizzazione dei tempi morti, nei cambi d’ora, ed uno stimolo “energizzante” per la capacità di concentrazione. Non da ultimo, inserendo anche i laboratori e le aule attrezzate all’interno del “percorso” settimanale degli studenti, si incentiva una didattica per competenze basate sull’esperienza e sul learning by doing. Per realizzare il progetto DADA è stato necessario ripensare integralmente lo spazio educativo a partire dalla sua fisicità, individuando i laboratori, gli spazi attrezzati e le aule e rivalutando allo stesso tempo ambienti dimenticati. Gli ambienti sono resi facilmente identificabili, a partire dai corridoi, grazie ad un’adeguata segnaletica ed a differenti colori. La struttura del Liceo, fatta di spazi disposti su vari piani e con dimensioni differenti non ha permesso di organizzare le aule in aree-dipartimenti, ma piuttosto di assegnare in maniera quasi esclusiva aule ed ambienti a docenti e discipline, così da incentivare l’adozione di didattiche innovative. Le attrezzature d’aula sono state potenziate attraverso l’aggiunta di nuove LIM che portano ad una copertura quasi completa degli ambienti; la presenza poi di LIM mobili da utilizzare nei casi di necessità e di laboratori mobili dotati di postazioni-studenti permette di incrementare gli strumenti a disposizione di docenti e studenti. La presenza di WiFi in tutti gli ambienti consente in ogni luogo di connettersi ad Internet e di accedere a tutte le risorse online disponibili.